Gite Speciali

Sono qui seduta ora sul divano che cerco il modo di raccontarvi questo aneddoto senza sputtanare completamente la mia reputazione sul web, ma non credo sarà possibile. Quindi prendetela sul ridere, perchè io ho deciso che questo sarà un diario sincero. Dove racconterò tutto quello che di queste esperienze mi ricordo. 

Quando si parla di viaggi e vacanze, molto spesso, per ovvi motivi si tralasciano i dettagli imbarazzanti.

Si parla dell’hotel figo, della spiaggia idilliaca e dei centri massaggi. Si racconta dei templi e dei musei. Dei sorrisi. Delle risate. 

Di viaggi negli anni ne abbiamo fatti, e pensare che possa sempre andare tutto bene è un’utopia, anche se uno poi in realtà ci spera sempre.

Poi ci sarebbe anche l’idea razionale e logica di stipulare un’assicurazione salute per i viaggi, ma vi pare che una con le pezze al culo, che sta a guardare il centesimo per il prezzo del volo, possa essere così lungimirante da spendere per una polizza? Ve lo dico io, no.

Mica ci ho mai pensato alla lontana ipotesi di finire in ospedale io. Sono giovane io, pensavo. Sono in salute io, credevo. E sono una persona fortunata, a me queste cose non capitano.

Tutto è iniziato con una fitta alla pancia e un pò di bruciore. Ed è andato avanti con me che per quattro ore resto seduta sul cesso, unico luogo che mi dava l’illusione di non sentirmi andare in fiamme. 

E mentre il resto dei turisti sull’isola continuava la propria vacanza divertendosi con escursioni in barca, in quad, e visitando grotte o cascate, io venivo caricata su un taxi in direzione ospedale.

Non lo so che cavolo sia successo, ma mi sentivo un incendio in mezzo alle gambe, talmente forte che mi ricordo che mentre ero sdraiata sul taxi, per un’attimo ho pensato di buttare le gambe fuori dal finestrino per arieggiarmi la patata.

Ridete, ridete pure. Tanto la patata ce l’avete pure voi. O comunque se non quest’ortaggio qui, ne avete un altro. E vi auguro che non vi vada mai a fuoco così. Perchè è stata una sensazione terribile. Arrivati all’ospedale la ginecologa in dieci minuti mi preparava per la visita.  

Ci sono stato due momenti soli in cui il dolore si è affievolito. Quello in cui mi hanno pesato, dive ho scoperto di essere arrivata a un peso che nella vita non avevo mai visto, lì ho proprio sentito dolore al cuore. E poi quando ho pagato il conto. Mi ricordo che la testa ha iniziato a girarmi non appena ho visto i miei trecento euro salutarmi mentre volavano via verso le casse dell’ospedale. 

C’è da dire che l’efficienza e la professionalità dimostrata, qui ce la sogniamo proprio. In  due ore mi hanno fatto le analisi del sangue, analisi delle urine, visita ginecologica e risultato di tutto. 

Avevo un infezione alle vie urinarie. In due parole, la cistite merdosa.

Ho dovuto fare una cura antibiotica, durante il quale ho pregato che  ogni santo guardasse giù e non mi facesse morire di shock anafilattico. Perchè dovete sapere che io sono allergica a tantissimi medicinali, e provare sostanze nuove e’ sempre una roulette russa  con la vita per me. 

Vi immaginate che scena:  io, che dopo tutto ciò mi trovo pure in shock anafilattico, e conoscendomi mentre lotto per ogni respiro contro la gola che si chiude, sono pure lì che calcolo quanto mi costerà non morire?

Per fortuna stavamo a Chaweng, che anche se non era il mio ideale di spiaggia, era a portata di schiocco da ogni servizio e pure dall’ospedale.

Pernottare qui è pratico e comodo, soprattutto per uno chef rompicoglioni come Vic e un’aspirapolvere umana come me. Come coppia devo dire che ci siamo trovati. Chi per un motivo, chi per un’altro siamo entrambi amanti del cibo, e tutti e due adoriamo assaggiare e provare cose nuove e diverse. In questo Chaweng forniva una varietà di scelta talmente vasta che mai ci siamo trovati a mangiare due volte la medesima cosa. 

Poi mi stupisco se all’ospedale sono risultata 65 kg, lo credo, tra le bancarelle di street food, tra i venditori ambulanti, tra i bar e i ristoranti trovavo sempre qualcosa di nuovo da assaggiare ad ogni ora.

Ci sono stati pochissimi viaggi in effetti dove io mi senta a mio agio nel vedere le foto ricordo. Anche le rarissime volte in cui sono partita da qui in forma, sono poi tornata rotolando.  D’altra parte scoprire un paese è anche questo no? Cosa unisce più del cibo?

Dei giorni successivi a Koh Samui ricordo ancora un bel giro in barca intorno all’isola, tante passeggiate, e mangiate. Poco più.

Per quelle guide turistiche da “10 cose da vedere”, “5 bar da scoprire”, etc etc, consultate gli altri blog oppure leggetevi la Lonely Planet. Questo è un diario di emozioni, ed esperienze che possano smuovere qualcosa dentro, niente di più. 

Del fatto che il volo di ritorno sia stato ETERNO, ve l’ho già detto nell’articolo “Thailandia,Ancora”, e quindi direi che per questo viaggio posso dire passo e chiudo.

Dal prossimo articolo cambio nazione, lo giuro.

To be continued….

35 commenti su “Gite Speciali”

  1. Sei sempre grandiosa e poi sei bella, non dimenticarlo mai. Quando vuoi ed è possibile, un caffè e un dolcetto, per voi, sempre.

    1. Cara Dani! Sei sempre gentile e dolce! Spero davvero di vederti presto. Appena sarà sicuro, o arriverà il caldo, voglio un appuntamento fisso con te!❤️

  2. Im excited to discover this web site. I need to to thank you for ones time for this wonderful read!! I definitely savored every bit of it and I have you bookmarked to look at new information in your web site.

  3. Im excited to discover this web site. I need to to thank you for ones time for this wonderful read!! I definitely savored every bit of it and I have you bookmarked to look at new information in your web site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

35 commenti su “Gite Speciali”

  1. Sei sempre grandiosa e poi sei bella, non dimenticarlo mai. Quando vuoi ed è possibile, un caffè e un dolcetto, per voi, sempre.

    1. Cara Dani! Sei sempre gentile e dolce! Spero davvero di vederti presto. Appena sarà sicuro, o arriverà il caldo, voglio un appuntamento fisso con te!❤️

  2. Im excited to discover this web site. I need to to thank you for ones time for this wonderful read!! I definitely savored every bit of it and I have you bookmarked to look at new information in your web site.

  3. Im excited to discover this web site. I need to to thank you for ones time for this wonderful read!! I definitely savored every bit of it and I have you bookmarked to look at new information in your web site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi altro